Scrittori, Poeti e Letterati

Alfieri Vittorio (1749 Asti - 1803 Firenze), poeta e autore tragico.

Carducci Giosuè (1835 Valdicastello, Versilia - 197 Bologna), poeta, critico letterario e pensatore. Fu insignito del premio Nobel per la letteratura nel 1906.

Collodi Carlo, pseudonimo di Carlo Lorenzini, dal paese natale della madre (1826-1890 Firenze), scrittore. Resta immortale per il libro Le avventure di Pinocchio (1883).

D'Annunzio Gabriele (1863 Pescara - 1938 Gardone Riviera), poeta, scrittore ed eroe di guerra. Oltre all'opera letteraria, di lui restano famose le imprese di guerra (la "beffa di Buccari" del 1917, il volo su Vienna del 1918) e l'occupazione di Fiume (1919-21), che trasformò in una sorta di stato indipendente.

De Amicis Edmondo (1846 Oneglia - 1908 Bordighera), scrittore. Ufficiale dell'esercito, lasciò la carriera militare per dedicarsi alla scrittura. La sua opera più famosa è Cuore.

De Sanctis Francesco (1817 Morra Irpina -, Avellino - 1883 Napoli), critico letterario e uomo politico. Implicato nei moti del 1848 e imprigionato a Castel dell'Ovo (1850-53), emigrato in America e poi, nel 1860, nuovamente in Italia, fu ministro della pubblica istruzione (1861-62) e deputato. Dopo la mancata rielezione del 1863 si dedicò completamente agli studi letterari.

Doyle sir Arthur Conan (1859 Edimburgo - 1930 Crowbourg, Sussex), scrittore inglese. Dedicatosi alla professione medica fino al 1880, fu autore di opere teatrali, romanzi storici e d'avventura. Resta famoso soprattutto per la creazione di Sherlock Holmes.

Foscolo Ugo (1778 Zante - 1827 Turnham Green), poeta, prosatore e patriota. Uno dei massimi protagonisti della storia letteraria italiana dell'Ottocento, intraprese la carriera militare nell'esercito napoleonico. Ebbe vita molto travagliata. Tra le opere più famose: il romanzo epistolare Ultime lettere a Jacopo Ortis e i Sepolcri.

Giusti Giuseppe (1809 Monsummano, Pistoia - 1850 Firenze), poeta. Laureato in giurisprudenza, deputato nella Toscana costituzionale del 1848, fu poeta satirico e caricaturale.

Goethe Johann Wolfgang von (1749 Francoforte sul Meno - 1813 Weimar), scrittore tedesco. Figura emblematica di tutta la letteratura tedesca fra il '700 e l'800, divenne famoso nel 1774 con la pubblicazione del romanzo epistolare I dolori del giovane Werther.

Goldoni Carlo (1707 Venezia - 1793 Parigi), commediografo e autore teatrale. Sensibile agli ideali dell'Illuminismo, riformò il teatro comico italiano in opposizione alla commedia dell'arte.

Guerrini Olindo (1854 Forlì - 1916 Roma), poeta e scrittore. Direttore della biblioteca universitaria di Bologna, esordì sotto lo pseudonimo di Lorenzo Stecchetti con i versi di Postuma (1877), che gli diedero la fama e lo collocarono tra i sostenitori del verismo.

Kipling Rudyard (1865 Bombay - 1936 Londra), scrittore inglese. Autore, tra le altre opere, dei racconti Il libro della giungla (1894), fu insignito nel 1907 del premio Nobel per la letteratura.

Lessing Gotthold Ephraim (1729 Kamenz, Sassonia - 1781 Brunswick), scrittore tedesco. Esponente più significativo dell'illuminismo tedesco nel campo del teatro e della critica, contribuì alla creazione di un teatro borghese fatto su misura dell'uomo medio.

Monti Vincenzo (1754 Alfonsine - 1828 Milano), poeta e prosatore. Prima d'idee giacobine e poi devotissimo a Napoleone, ebbe una carriera brillantissima. Resta famoso, in particolare, per la traduzione dell'Iliade, pubblicata nel 1810.

Pascoli Giovanni (1855 San Mauro di Romagna - 1912 Bologna), poeta.

Porta Carlo (1775-1821 Milano), poeta dialettale milanese.

Puskin Alexandr Sergeevic (1799 Mosca - 1837 Pietroburgo), poeta, narratore e drammaturgo russo. Il suo capolavoro, il romanzo in versi Eugenio Onegin, segna il passaggio in poesia dal romanticismo al realismo.

Quasimodo Salvatore (1901 Modica, Ragusa - 1968 Napoli), poeta.

Stendhal, pseudonimo di Henri Beyle (1783 Grenoble - 1842 Parigi), scrittore francese. Il suo capolavoro, Il rosso e il nero: cronaca del XIX secolo, pubblicato nel 1831, lo consacrò come uno dei massimi scrittori dell'800.

Tolstoj Lev Nikolaevic (1828 Jasnaja Poljana, presso Tula - 1910 Astapovo, Rjazan'), scrittore russo. Autore di opere immortali quali Guerra e pace ((1869) e Anna Karenina (1877), è considerato uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi.

Twain Mark, pseudonimo di Samuel Langhorne Clemens (1835 Florida, Missouri - 1910 Redding, Connecticut), scrittore americano. Dopo una giovinezza avventurosa, intraprese la carriera di pubblicista e scrittore, diventando famoso grazie soprattutto al suo capolavoro Le avventure di Tom Sawyer (1876).