Rapporti Internazionali

Gli inizi

La Gran Loggia d'Italia ha sentito l'importanza dei rapporti internazionali anche prima di diventare... Gran Loggia d'Italia. Infatti nel 1908, subito dopo la scissione, un importante sostegno a Saverio Fera fu il riconoscimento dato al Supremo Consiglio da lui capeggiato come unico legittimo discendente del primo Supremo Consiglio d'Italia fondato a Milano nel 1805.

Il primo riconoscimento, che  venne dal Supremo Consiglio del Belgio sin dal 1908, gettò le basi del riconoscimento internazionale del Supremo Consiglio di Saverio Fera, riconoscimento confermato ed esteso a tutta l'Obbedienza a Washington nel 1912 nel Congresso Internazionale dei Supremi Consigli di Rito Scozzese. La decisione fu successivamente consolidata dalla proclamazione del Congresso di Losanna del 1922.

Saverio Fera sentì fin dall'inizio l'importanza dei rapporti con le potenze massoniche estere come testimoniano anche intensi scambi epistolari.

Fu la gran maestranza di Giovanni Ghinazzi (1962-1986) a segnare un passo definitivo nell'ambito internazionale. Giovanni Ghinazzi creò rapporti con le Obbedienze massoniche di tutto il mondo. La Gran Loggia d'Italia fu tra le Potenze fondatrici di CLIPSAS (Centre de liaison et d'information des Puissances Maçonniques signataires de l'Appel de Strasbourg) e fu tra le Obbedienze più attive all'interno di Catena.

Gli Organismi Internazionali

Il 22 gennaio 1961 a Strasburgo le principali Obbedienze europee – tra cui la Gran Loggia d'Italia - lanciarono l'appello a tutti i Liberi Muratori perché aderissero ad una catena fondata su una totale libertà di coscienza.

Il CLIPSAS del quale fanno oggi parte meno Obbedienze europee ma dove sono presenti Obbedienze dei cinque continenti ha riconosciuto alla Gran Loggia d'Italia successive vice presidenze.

Nel 1961 nacque CATENA, unione internazionale massonica fra diverse Obbedienze che riconoscono alla donna il diritto di appartenere alla Libera Muratoria a parità di condizioni con l'uomo, .

Nel 1998 la Gran Loggia d'Italia è stata tra le Potenze Massoniche fondatrici di SIMPA (Secrétariat International des Puissances Maçonniques Adogmatiques) basata anch'essa sulla libertà assoluta di coscienza, intenzionata ad una lotta incessante contro le limitazioni dogmatiche, le manifestazioni di settarismo e le ideologie che negano la dignità umana, avente fede illimitata nel principio di uguaglianza e consapevole che la democrazia ed il principio di laicità costituiscono i pilastri necessari della società politica.

La Gran Loggia d'Italia, fedele alla sua tradizione, continua a rivolgere una particolare attenzione ai contenuti esoterici che ogni Obbedienza massonica dovrebbe mantenere; a questo scopo nel 2001 ha riunito in una Catena di Unione le Obbedienze dei paesi dell'area mediterranea desiderando studiare, riscoprire le fonti delle Tradizioni iniziatiche del bacino mediterraneo. E' nata così l'Unione Massonica del Mediterraneo.

La Gran Loggia d'Italia ha rapporti con oltre 100 Obbedienze massoniche diffuse in tutti i continenti, con molte delle quali ha siglato trattati di amicizia e di cooperazione.

 La firma di un trattato di amicizia